fbpx

Quali sono le persone più importanti per le nostre future organizzazioni?

La skill fondamentale per i professionisti del futuro non è una skill. Ecco qual è.

Sono cresciuto in un piccolo paese della Sicilia e il trasporto pubblico più comodo per le città vicine era il treno. La stazione ferroviaria locale era in stato di abbandono.
Un giorno mi sono seduto sull’unica panchina rimasta e ho visto davanti a me un numero infinito di formiche. Si muovevano lungo una linea immaginaria, ordinatamente. Mentre aspettavo il treno mangiavo dei cracker e qualche briciola è caduta a terra. Ho visto che prima casualmente e poi in modo sempre più sistematico alcune formiche si sono allontanate dalla linea su cui si stavano muovendo per recuperare quella risorsa inaspettata. Incuriosito dalla capacità di adattarsi e trarre vantaggio immediato da quelle briciole impreviste, volevo provare a vedere cosa sarebbe successo se invece di un evento positivo ne fosse accaduto uno negativo. Ho preso una pietra e l’ho posizionata nel bel mezzo del flusso di movimento. Ancora una volta la riorganizzazione del sistema è stata rapida ed efficace.

A quel punto era chiaro che le formiche, non so quanto consapevolmente, avevano fatto una scelta fondamentale tra sovraccaricare l’intero sistema o riorganizzarsi. E sono abbastanza sicuro che non ci fosse alcun CEO per dare ordini, o qualsiasi “ufficio della viabilità” per stabilire nuove rotte.

Le formiche che erano lì in quel momento hanno fatto quello che potevano per trovare una soluzione e poi hanno guidato le altre in modo che potessero adattarsi al cambiamento. Il sistema si era auto-organizzato.

E i sistemi umani?

Immagino che davanti a quella pietra sarebbe necessario fermare l’intera linea, comunicare il problema al supervisore, che avrebbe chiamato esperti per esaminare l’ostacolo, che avrebbero pianificato un nuovo percorso o provveduto a rimuovere la pietra. Nel frattempo, l’intera organizzazione sarebbe andata nel panico, perdendo tempo e denaro.
La verità è che siamo vittime della pianificazione e del controllo. Ci piace organizzare e gestire. Costruiamo gerarchie che stabiliscono protocolli di governance, canali di comunicazione che controllano la direzione e il tipo di informazioni in entrata e in uscita, ruoli predeterminati e uffici che svolgono i loro compiti con poca o nessuna relazione con le altre parti del sistema.
In altre parole, trattiamo le nostre organizzazioni come sistemi chiusi.
La verità è che il modo in cui trattiamo le organizzazioni e la loro vera natura sono estremamente differenti. Qualsiasi sistema, naturale o sociale, è in realtà aperto e complesso: non è solo interconnesso con l’ambiente esterno, ma è anche costituito da relazioni interne che ne determinano la forma, mutando costantemente.
Proprio come le formiche, anche i sistemi umani sono intrinsecamente auto-organizzati. E la loro natura non cambierà: la chiave di tutto sta nella nostra capacità di ammetterlo e iniziare a trattarli per quello che sono.

Se facessimo questa prima onesta ammissione capiremmo che tutto il tempo speso nella pianificazione e nell’organizzazione è nel migliore dei casi uno spreco e nel peggiore dei casi un vero e proprio atto autodistruttivo progettato per ridurre drasticamente il livello di prestazioni che il sistema potrebbe raggiungere se non si fosse bloccato da solo.

Ogni innovazione è, almeno inizialmente, un’anomalia: letteralmente qualcosa al di fuori della legge (a-nomos, in greco). Tuttavia, continuiamo a costruire le nostre organizzazioni su leggi rigide. Trovo questo non solo controproducente, ma in tutta onestà stupido.
Una volta compresa l’importanza dei sistemi auto-organizzati, la riflessione che sorge è: i sistemi auto-organizzati sono per definizione qualcosa che emerge spontaneamente. Possiamo creare volontariamente sistemi auto-organizzati?

La risposta a questa domanda è sì.
Per quanto riguarda come farlo, la mia fonte più importante è il libro di Harrison Owen “Wave Rider. Leadership for High Performance in a Self-Organizing World“, ma la questione è ora una delle più discusse ed è facile trovare spunti interessanti in altri testi, uno tra tutti “The power of pull” di John Hagel, John Seely Brown e Lang Davison.

Penso però che ci sia un fattore umano fondamentale, necessario anche se probabilmente non sufficiente, per la creazione di sistemi auto-organizzanti: la passione.

Persone appassionate

Le persone appassionate hanno due caratteristiche fondamentali: responsabilità e coraggio. Hanno abbastanza senso di responsabilità per lavorare sodo e abbastanza coraggio per esplorare nuovi territori, non solo per trovare le anomalie ma anche per usarle per raggiungere gli obiettivi dell’organizzazione, sia nei rapporti con i colleghi che nelle attività pratiche.

Per quanto riguarda le relazioni personali, queste persone sono leader autentici (nella sua accezione emergente e non prescrittiva, come sapientemente illustrato in questo articolo di Stelio Verzera). Come scrive Owen:

La leadership nasce all’incrocio tra passione e responsabilità. Non per dominio e controllo, ma per invito e apprezzamento, gli sforzi di molti si fondono in uno.

Harrison Owen

Wave Rider. Leadership for High Performance in a Self-Organizing World

Per quanto riguarda le attività pratiche, le persone appassionate sono quelle con un vero “sé autotelico“, che nelle parole di Mihaly Csikszentmihalyi è un “sé che ha obiettivi autonomi“. Queste caratteristiche permettono a queste persone di sperimentare un flusso continuo, che le porta a raggiungere livelli di performance sempre crescenti, e come sottolinea lo stesso Owen:

Dire che seguono il flusso non significa che abbiano poca considerazione per la pianificazione, la logica e il duro lavoro. In effetti possono essere fanatici della pianificazione, logici e maniaci del lavoro. Ma ciò che li distingue è che possiedono anche una chiara comprensione dei limiti di tutti e tre: pianificazione, logica e duro lavoro.

Harrison Owen

Wave Rider. Leadership for High Performance in a Self-Organizing World

Concludendo, il nostro mondo è come una grande danza.
Non possiamo né cambiare né fermare la musica.
Possiamo solo ballare.
Ed è un tango, ragazzi: improvvisazione e passione.
Sei pronto a ballare?

Condividi

Vuoi ricevere contenuti selezionati e risorse gratuite riservate?

Riceverai un’email solo quando ho qualcosa di davvero importante da dirti. Niente SPAM, e soprattutto niente bot. Ogni email è scritta personalmente da me, con cura e rispetto del tempo che mi concedi 🙂

Leggi anche

L’onda

L’onda Una storia semplice Un’onda è appena nata. È nata già in movimento.È nata mentre esisteva già. Il mondo adesso la vede ergersi qualche centimetro

Leggi l'articolo »
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Che ne pensi? Lascia un commento.x